L'efficienza è una questione di innovazione

Engineering è da sempre attiva nel disegno e nella realizzazione di soluzioni innovative a supporto dell'integrazione di crescenti quantità di energia non programmabile, proveniente da fonti rinnovabili.

Negli ultimi anni si sta assistendo ad un significativo incremento di energia elettrica prodotta con fonti rinnovabili distribuite (fotovoltaico, eolico, biomassa...), con la finalità di ridurre le emissioni da gas serra, accrescere la produzione di energia da fonti rinnovabili e incrementare l’efficienza energetica complessiva delle reti di distribuzione dell’energia elettrica (in virtù dell’utilizzo di energia prodotta nelle vicinanze del punto di consumo). Azioni che rientrano nell’ambito del Piano Europeo 20-20-20 sull’efficienza energetica e sul cambiamento climatico, da realizzare entro il 2020.

La crescente quota di generazione distribuita, spesso derivante da fonti intermittenti (solare, eolico) collegate alla rete elettrica anche sui tratti di media e bassa tensione, rende di fatto le reti di distribuzione dell’energia elettrica staticamente poco programmabili, e richiede modalità innovative di monitoraggio e di controllo in tempo reale, abilitate da livelli di intelligenza e di smartness senz’altro maggiori rispetto alle reti tradizionali.
D’altra parte l’evoluzione tecnologica rende disponibili, a costi accessibili, funzionalità ICT la cui presenza poteva sinora giustificarsi solo in abbinamento a infrastrutture di costo unitario elevato - quali le reti di trasporto - e apre le porte a un cambiamento epocale nella filosofia stessa di funzionamento delle reti di distribuzione.

Si parla, quindi, di Smart Energy Grid intese come infrastrutture intelligenti, abilitate da applicazioni innovative dell’ICT a supporto della visione Smart City, in grado di coniugare libertà dei comportamenti individuali e efficienza di sistema, integrazione delle risorse energetiche distribuite e sicurezza di fornitura, utilizzo prioritario delle fonti rinnovabili e programmabilità delle condizioni di rete.

Engineering è attiva ormai da diversi anni nel disegno e nella realizzazione di soluzioni innovative per le Smart Grid, e ha acquisito una comprovata esperienza attraverso lo sviluppo di applicazioni innovative a supporto di una maggiore, e più efficiente, integrazione di crescenti quantità di energia non programmabile, proveniente da fonti rinnovabili, attraverso una maggiore flessibilità nella domanda.

Tali applicazioni riguardano:

  • il marketplace dell’energia come strumento a supporto del bilanciamento dei carichi elettrici e dell’offerta di energia, e, più a lungo termine, a supporto della stabilità della rete elettrica di nuova generazione, misurata attraverso la riduzione del numero e della durata delle interruzioni del servizio
  • politiche e meccanismi di demand side management (demand response), veicolati attraverso la presenza di un intermediario tra il distributore di energia ed il consumatore (aggregatore); tali tecniche sono finalizzate a offrire la necessaria flessibilità (attraverso la riduzione programmata dei consumi) all’operatore elettrico al fine del bilanciamento ottimale dei carichi sulla rete
  • la gestione ottimale dei consumi energetici di edifici pubblici intelligenti (smart buildings) con capacità di auto-generazione di energia elettrica, in grado di monitorare, controllare e ottimizzare i propri consumi e lo scambio del surplus di energia con la rete elettrica
  • monitoraggio e controllo in tempo reale di sistemi di storage di energia a supporto di fonti rinnovabili intermittenti, basati sull’idrogeno, finalizzati alla gestione ottimale e di sistemi energetici ibridi e interconnessi (Power to Gas), con piattaforme in grado di determinare in tempo reale il surplus ottimale di energia elettrica e/o gas (idrogeno) da veicolare attraverso le rispettive reti di distribuzione
  • monitoraggio, controllo e gestione ottimale dei consumi e delle capacità di generazione e scambio di energia per Smart Data Center, consentendo ai data center del futuro di interagire:
    1) con la smart grid offrendo flessibilità di domanda all’operatore elettrico attraverso politiche di demand-side management
    2) con altri data center federati nella stessa rete (virtual data center) per l’eventuale migrazione del carico computazionale a fronte della riduzione del consumo elettrico nell’ambito delle politiche di demand-side management con l’operatore elettrico.

In primo Piano

Voci Correlate
Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities Energy & Utilities
smart cities & government smart cities & government smart cities & government smart cities & government smart cities & government smart cities & government