Piattaforma per la Certificazione dei Crediti (PCC)

Il pagamento dei fornitori della PA è uno dei temi di maggiore attualità, che richiede una gestione, anche tecnologica, capace di mettere in circolo in maniera rapida ed efficiente risorse finanziare indispensabili per le aziende e per il sistema Paese.

La Piattaforma per la certificazione dei crediti del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) consente ai Fornitori (Società, Ditte Individuali, Liberi Professionisti, Enti diversi da Impresa) che vantano un credito verso la Pubblica Amministrazione di ottenere una certificazione della propria posizione creditizia.

La certificazione di queste posizioni creditizie delle aziende è la condizione indispensabile per l’attivazione dei pagamenti, anticipazioni, compensazioni, ecc.

Realizzato con il contributo tecnologico di Engineering, il sistema informativo supporta la gestione dei procedimenti lungo tutto il processo di certificazione, dalla fase di presentazione delle istanze di certificazione del credito da parte del soggetto Creditore, alle fasi di certificazione e utilizzo del credito certificato:

  • Procedimento di presentazione delle istanze di certificazione
  • Procedimento di certificazione del credito
  • Procedimento di utilizzo del credito certificato.

La Piattaforma si interfaccia con numerosi Enti e Istituzioni, quali Agenzia delle Entrate (Entratel), ABI (Consorzio CBI), DigitPA - Indice della Pubblica Amministrazione, Telecom, CCIAA (Infocamere).

Oltre alla gestione amministrativa dei procedimenti, la Piattaforma rende disponibile per i decisori e i soggetti preposti alle attività di monitoraggio una componente di business intelligence per l’analisi “libera” di tipo multidimensionale dei dati riferibili ai diversi aspetti gestiti: certificazioni, operazioni, aziende, istanze, ecc.

La componente di Business Intelligence implementata nella Piattaforma consente inoltre di elaborare una serie di report precostituiti contenenti gli indicatori richiesti dalle specifiche circolari ministeriali, questo al fine di consentire il più rapido ed efficiente monitoraggio sul processo e sulle risorse finanziarie impegnate/liberate.