AVEPA: garanzia e velocità dei pagamenti agricoli a tutela del settore

La soluzione web-based realizzata ha consentito all'Agenzia di anticipare, tramite un pool di 12 banche operanti nel Veneto, liquidità finanziaria alle imprese rurali che hanno diritto al cosiddetto Premio Unico Comunitario.

Grazie al progetto sviluppato da Engineering oltre 90 mila imprese agricole venete hanno potuto fruire nel 2012 dei fondi europei (circa 360 milioni di euro complessivi), in anticipo rispetto ai tradizionali tempi medi dell'Unione Europea e alla disponibilità reale nelle casse di AVEPA, ottenendo così un vantaggio competitivo non secondario.

Il protocollo di intesa, denominato “Insieme per l’Agricoltura”, è stato firmato a Verona nel corso della manifestazione fieristica Vinitaly 2012 alla presenza del Direttore di AVEPA, del Presidente della Regione Veneto e dei rappresentanti delle banche coinvolte (Banca Antonveneta, Banca della Nuova Terra, Banca Popolare FriulAdria, Banca Popolare di Vicenza, Banco Popolare di Verona, Cassa di Risparmio del Veneto, Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo, Unicredit, Veneto Banca e Cassa di Risparmio di Venezia).

Il progetto ha fatto leva sull’erogazione dei servizi applicativi e l’utilizzo delle relative infrastrutture ICT rese disponibile presso i Data Center Engineering di Vicenza e di Milano, entrambi certificati ISO 27001, uno degli standard di riferimento previsti dalla normativa comunitaria per la conformità dei sistemi informativi degli organismi pagatori.

Una caratterizzazione della soluzione è stata la virtualizzazione estesa delle risorse elaborative per garantire il risparmio energetico e abilitare una gestione razionalizzata della potenza elaborativa necessaria ad assicurare i livelli di servizio e i tempi di risposta “end user” richiesti dai processi gestionali dell’agenzia.

La soluzione tecnica

L’applicazione Web messa a punto dal team applicativo, che ha curato in autonomia l’analisi e lo sviluppo, è una soluzione web-based realizzata con J2EE v6.0 che utilizza il database Oracle 11g per la gestione dei dati, mentre l’intera applicazione è installata su Application Server JBoss 5.1.

Le principali componenti tecnologiche utilizzate sono il framework Hibernate 3.x, finalizzato al mapping degli oggetti su base dati e alla persistenza, e Struts 2.1.8 adottato per la realizzazione dell’architettura MVC (Modello-Vista-Controllo). In particolare per garantire una maggiore fluidità applicativa e favorire l’interazione dell’utente finale sono state introdotte tecnologie di tipo AJAX (Asynchronous JavaScript and XML).

L’intera applicazione, inoltre, gestisce l’autenticazione e la profilazione degli utenti mediante l’utilizzo del protocollo CAS (Central Authentication Service). L’idempotenza funzionale dell’applicazione in fase di sviluppo è stata garantita utilizzando tecniche di test-driven basate su JUnit.

Le scelte architetturali e l’intera realizzazione identificano una soluzione che, oltre a utilizzare tecnologie e paradigmi di sviluppo allo stato dell’arte, permette una buona configurabilità, una semplificazione del processo di mantenimento del software e la gestione di estensioni e future evoluzioni dell’applicativo. Inoltre il paradigma utilizzato e la soluzione tecnologica possono essere fruttuosamente presi a modello in altri contesti applicativi.