SIMONA: Satellite assets Integration for Maritime situatiON Awareness

SIMONA è un progetto in ambito Maritime Situation Awareness realizzato da un consorzio di cinque società italiane coordinate da Engineering, che ha operato in maniera rilevante anche nella progettazione e realizzazione del sistema, forte della propria expertise di settore.

Nasce come Demonstration Project in risposta ai programmi ARTES 20 IAP e APDUSS, promossi dall’ESA - Agenzia Spaziale Europea per favorire la massima diffusione all’utilizzo dei propri asset satellitari.

Il primario obiettivo di SIMONA è di fornire una piattaforma informativa per il completamento e miglioramento dei servizi esistenti in ambito Maritime Situation Awareness, potenziando le capacità attualmente in possesso della Guardia Costiera Italiana e della Marina Militare Italiana, nonché fornire servizi a valore aggiunto basati su asset satellitari a supporto di soggetti privati, quali compagnie marittime di trasporto mercantile e società di broking assicurativo, di assicurazione e di assistenza.

Il progetto è stato avviato nel settembre 2014. Nel luglio 2015 si è conclusa la prima fase che ha riguardato: l’analisi dello stato dell’arte delle tecnologie inerenti, la definizione dei requisiti di sistema eseguita sulla base dell’analisi delle esigenze manifestate dagli utenti finali, il disegno dell’architettura generale della piattaforma e dei servizi offerti. Parallelamente è stata condotta un’analisi di mercato e sono stati  definiti gli obiettivi di business a verifica della sostenibilità del progetto, in terrnini di diffusione futura della piattaforma SIMONA.

Nel disegno dell’architettura e dei servizi, Engineering ha messo a disposizione la propria esperienza nella verifica e validazione di soluzioni integrate come il System of Systems, così come la consolidata esperienza in ambito marittimo (SMART e MCCIS-Italia, i sistemi rispettivamente  di sorveglianza marittima e di comando e controllo della Marina Militare Italiana, STIRES, parte fondamentale del sistema SSN, CERS, per la Guardia Costiera Regno Unito, SIA il sistema per l’anti-immigrazione del Ministero degli Interni.).

La seconda fase di SIMONA, avviata a Gennaio 2016, ha per obiettivo la realizzazione del sistema, seguendo l’intero processo di ciclo di vita del software che prevede la progettazione, l’implementazione, il test dei singoli componenti e di integrazione e di validazione dalla piattaforma. Una campagna di esercitazione distribuita su più mesi, consentirà poi di dimostrare la validità operativa dei servizi. Parallelamente all’implementazione della piattaforma il consorzio produrrà un sistema di modellazione dinamica per dimostrare la continuità allo sviluppo del business connesso, e a supporto del lancio della piattaforma SIMONA sul mercato.

La soluzione tecnologica della piattaforma prevede l’integrazione di tre Asset Satellitari (EO, GNSS e SATCOM) e l’utilizzo di un insieme di informazioni e/o a servizi operativi forniti da provider sia istituzionali che privati.

Le principali funzionalità della piattaforma SIMONA possono essere riassunte in:

  • concorrere alla generazione di una Common Operating Picture arricchita (eCOP) tramite integrazione di dati provenienti da diverse fonti informative (immagini EO, dati sulle condizioni meteorologiche e oceanografiche, Local Picture fornite da utenti collaborativi), e in aderenza ai principali standard di riferimento (GRIB, VMS, ecc.)
  • supportare le operazioni di sorveglianza marittima, S&R e navigazione sicura, attraverso l’erogazione di servizi che integrano gli asset satellitari, e tali da garantire caratteristiche di sicurezza, integrità, precisione e affidabilità
  • fornire servizi disegnati su specifiche operative, definite congiuntamente agli utenti, verificandone la validità durante la fase dimostrativa prevista alla fine della Fase 2.

La Piattaforma ICT di SIMONA farà leva su servizi esistenti, orchestrandoli insieme a sviluppi ad-hoc basati su paradigmi di Ingegneria dei Sistemi SW, quali MDA (Model Driven Architecture) e SOA (Service Oriented Architecture) e mirati alla fornitura di servizi affidabili e sicuri, sia per uso civile che militare.

Gli utenti coinvolti nella definizione dei servizi e nelle attività di sperimentazione e validazione della piattaforma sono: Guardia Costiera Italiana, Marina Militare Italiana, d’Amico Società di Navigazione e Sapri Broker Srl con il supporto di AXA Assistance.

Al termine del progetto è prevista l’evoluzione della piattaforma SIMONA a prodotto finale da offrire al mercato attraverso due fasi successive di industrializzazione e commercializzazione. A tale  scopo verrà creata una nuova società (NewCo), composta da Engineering e alcuni dei partner del consorzio, che acquisirà la proprietà intellettuale dei componenti sviluppati e coinvolgerà nuovi soggetti per la produzione e la  distribuzione del prodotto, attraverso la stipula di accordi di partenariato.

artes-apps.esa.int/projects/simona